L'Unione Europea sanziona il gen. Issam Zahreddine

che resiste all'ISIS

 

Il Consiglio dell'Unione Europea (UE) sottopone a sanzioni altre 16 persone (militari, ingegneri e tecnici siriani) accusati dell'uso di armi chimiche o del loro coinvolgimento nella proliferazione di dette armi. La decisione, formalizzata pochi giorni fa, il 17 luglio (http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=uriserv:OJ.L_.2017.185.01.0020.01.ITA&toc=OJ:L:2017:185:TOC), avviene con motivazioni non suffragate da prove, riscontri, nulla. Si tratta di un atto simbolico (nel caso che i sanzionati volessero mai recarsi in Europa per turismo, lavoro o che) che serve a confermare il posizionamento subalterno della UE agli USA nel conflitto wahhabita-atlantico scatenato contro il paese arabo.

 

Probabilmente frutto di una forte irritazione. I tempi infatti coincidono con la ripresa del controllo da parte delle legittime autorit siriane dei giacimenti di petrolio e di gas e di vaste aree a nord della Siria.

sintomatico che nell'elenco (al n. 249) sia stato incluso l'ormai leggendario gen. Issam Zahreddine, che da quattro anni guida la resistenza della citt di Deir Ezzor (nordest della Siria) assediata dall'ISIS, citt divenuta cruciale per le sorti del conflitto.

 

Indipendenza

31 luglio 2017