No al Giro dItalia in Israele

 

La decisione di iniziare ledizione 2018 del Giro dItalia da Israele inaccettabile, a maggior ragione dopo il recentissimo acuirsi degli scontri e le gravissime e sistematiche violazioni dei basilari diritti umani da parte dellesercito israeliano.

Scegliere lanno in cui ricorre il settantesimo anniversario della Nakba per tale iniziativa una vergognosa legittimazione delle politiche poste in essere nellarea dallo Stato ebraico e, suo tramite, dagli Stati Uniti dAmerica.

 

Una decisione che contraddice la tradizionale vicinanza italiana al mondo arabo e le consolidate relazioni di amicizia con i popoli del bacino mediterraneo.

 

Indipendenza aderisce alla campagna per lisolamento internazionale di Israele anche sul piano sportivo (https://bdsitalia.org/index.php/campagne/campagna-cambia-giro): annullare la partenza del Giro da quella sede un atto dovuto e una contromisura necessaria per non fornire alcuna legittimazione alle criminali politiche del governo Netanyahu.

 

Indipendenza

10 aprile 2018